Menù

Segui questo blog: clicca sul bottone azzurro qui sotto! Diventiamo amici ^_^




Se hai un'azienda o un sito e desideri farmi conoscere i tuoi prodotti in modo da poterli recensire, contattami qui--->creazionidasogno@gmail.com
oppure qui---> lamu_1976@yahoo.it
*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
If you are a company or website that would like me to test/review some of your products feel free to contact me at creazionidasogno@gmail.com or lamu_1976@yahoo.it

lunedì 14 marzo 2016

Non solo acquisti, bellezza e creatività, anche temi delicati: la conservazione del cordone ombelicale.

Non solo acquisti, bellezza e creatività, anche temi delicati: la conservazione del cordone ombelicale

Care le mie follower, 
parlare di modo, di bellezza, di acquisti, è sempre bello - e come potrebbe essere diversamente? - ma ogni tanto anche in un blog orientato a temi leggeri è bene porre l’accento su qualche tema un po’ più delicato, davvero importante.
 Mi sto riferendo alla conservazione del cordone ombelicale, una pratica che solo pochi genitori decidono di mettere in atto, ma che potrebbe rivelarsi fondamentale proprio per tutelare la salute futura del proprio bambino. Si sa, la prevenzione non è mai troppa, ed essere lungimiranti, sperando anche nei progressi della scienza, è davvero fondamentale.

Dovete sapere che secondo stime recenti, circa il 90% del sangue del cordone ombelicale viene letteralmente gettato dopo le nascite, ma la conservazione è di fondamentale importanza, parallelamente alla donazione delle cellule alla ricerca. 
La scelta spetta ai genitori, se rivolgersi ad una banca di cellule staminali pubblica o privata, con la necessità, per forza di cose, di rivolgersi all’estero, poiché in Italia la conservazione del cordone ombelicale non è riconosciuta come una misura preventiva.

Le ragioni per conservare il cordone

Ma perché conservare il cordone ombelicale?
In internet ci sono molte risposte, alcune fuorvianti, ragione per cui è molto importante stare attenti e non farsi raggirare (se si decide di donare di conservare, ovviamente). 
Il cordone è ricco di cellule staminali emopoietiche, ovvero del sangue, delle quali è stata dimostrata la grande efficacia per la cura di malattie molto gravi: leucemia, linfomi, talassemia, immunodeficienze, difetti relativi al metabolismo. 
Facendo tutti gli scongiuri del caso, potrebbero risultare fondamentali per salvare la vita del proprio figlio: questo perché le cellule staminali giovani sono molto più efficaci rispetto a quelle adulte, poiché una volta trasfuse possono trasformarsi in qualsiasi tipo di cellula, tornando utile per differenti patologie.

Come dicevo, però, bisogna stare attenti, poiché molti siti di banche di conservazione del cordone ombelicale sostengono che siano oltre 70 le patologie gravi che è possibile curare grazie alle cellule staminali presenti nel cordone: si tratta, almeno per il momento, di parziali menzogne. E a dirla tutta, è davvero difficile capire dove stia la verità, dal momento che in Italia c’è una vera e propria crociata nei confronti di questa prassi, che non a caso è consentita solo in alcuni stati esteri (a suon di migliaia di euro). 
Il Ministero della Salute, ad esempio, e i team di esperti, sostengono che per garantire davvero un futuro ai propri figli, la scelta più saggia sarebbe quella di donare il cordone alla ricerca, per farla progredire e trovare delle vere cure che in breve tempo possano dimostrare - questa è la speranza - la propria efficacia.

Voi cosa ne pensate? Avete mai pensato, prima di partorire, di conservare il cordone ombelicale? Vi siete informate in internet o avete chiesto un parere scientifico a qualcuno? Credo che trovare delle testimonianze vere sia molto importante, per indirizzare i futuri genitori ad una scelta il più possibile consapevole. 
Raccontatemi la vostra esperienza, tornerà sicuramente utile a molti!

30 commenti:

  1. Avevo pensato di donare il cordone ma pensavo la procedura per farlo fosse complicata..anche chi fa il parto cesareo può donare?

    RispondiElimina
  2. non conoscevo tutte queste info in merito, grazie per questa recensione in merito.

    RispondiElimina
  3. non sapevo di tutto ciò, grazie per queste info in merito. quando sarò mamma se si potrà donerò sicura ente il mio cordone ombelicale.

    RispondiElimina
  4. un tema davvero interessante non ci avevo mai pensato alla conservazione o donazione....ma sarebbe davvero utile e di buon senso

    RispondiElimina
  5. un tema molto attuale peccato che molti ospedali non siano organizzati in merito.

    RispondiElimina
  6. alcune cose non le sapevo, grazie per questo post in merito, ci penserò anche io un domani che sarò mamma.

    RispondiElimina
  7. ottimo consiglio, ma anche da noi gli ospedali non praticano queste cose, io ho chiesto e mi han guardato strano, se volevo farlo dovevo pagare un sacco di soldi.

    RispondiElimina
  8. Purtroppo queste info sono poco diffuse..tantissime mamme non ci pensano nemmeno alla conservazione del cordone!

    RispondiElimina
  9. Quando diventerò madre sicuramente prenderò in considerazione la conservazione del cordone ombelicale..spero che si aggiornino anche negli ospedali della sardegna!

    RispondiElimina
  10. Quando mia madre ha partorito me e i miei fratelli questa pratica non era ancora molto diffusa..non se ne parlava proprio..sarebbe bene farlo sapere ad ogni mamma!

    RispondiElimina
  11. E un tema davvero interessante per chi sa per diventare mamma..negli ospedali se ne parla pochissimo..

    RispondiElimina
  12. Purtroppo non siamo mai informate su questi temi, ed è un vero peccato..condivido questo post alle mie amiche che stanno per diventare mamme!

    RispondiElimina
  13. Mia madre ha partorito 40 anni fa..e del cordone ombelicale non si sapeva nulla..ma ancora oggi questo tema non viene divulgato..chissà perchè!

    RispondiElimina
  14. questo è un tema davvero importante, in tutti gli ospedali dovrebbe essere attuato o almeno proposto

    RispondiElimina
  15. Io quando ero incinta al mio secondo piccolo, mi sono documentata presso un associazione ma devo dire che mi hanno chiesto una cifra assurda, vorrei fare un terzo figlio a breve e credo che cercherò maggiori info, per donare il cordone, perchè la ricerca è davvero importante, grazie per le info

    RispondiElimina
  16. E' un argomento delicato questo, molto delicato che tutte le mamme dovrebbero affrontare...
    Sai cosa? Lo farò leggere ad alcune mie amiche che stanno per diventare mamme!

    RispondiElimina
  17. io sarò mamma fra qualche mese, e devo dire che ci sto pensando! un post davvero utile per me!

    RispondiElimina
  18. Post davvero interessante, quando sarà il momento mi informerò sicuramente meglio in merito, perché mi piacerebbe donarlo alla ricerca o poterlo comunque conservare, per qualsiasi tipo di problema.

    RispondiElimina
  19. grazie per aver trattato questo tema, cosi importante secondo me per tutte noi donne di ogni età.

    RispondiElimina
  20. lo condivido questo tuo post, molte mie amiche lo leggeranno con piacere.

    RispondiElimina
  21. grazie per averci messo al corrente di queste notizie, non ne sappiamo mai abbastanza, mi informerò in merito più approfonditamente. grazie cara.

    RispondiElimina
  22. so che si paga parecchio, si parla di cifre astronomiche per poter conservare il proprio cordone che in Italia non ne capisco nemmeno molto in merito.

    RispondiElimina
  23. io volevo farlo, ma nel mio ospedale era impossibile, dovrebbero anche aggiornarsi le strutture Italiane.

    RispondiElimina
  24. Un argomento davvero interessante, io sono per la donazione, se si può perché non aiutare la ricerca

    RispondiElimina
  25. Siamo donne: la frivolezza fa parte di noi (e meno male!) ma ci sono temi più importanti, profondi che ci toccano da vicino. Grazie Anna di averci detto la tua su questo argomento delicatissimo!

    RispondiElimina
  26. noi donne dobbiamo pensare a molte cose, ed ora anche a questo. grazie per le informazioni io non sapevo nulla di tutto cio.

    RispondiElimina
  27. argomento interessante e che fa pensare molto, ma penso che la nostra sanità non sia ancora pronta a tutto cio, o sbaglio?

    RispondiElimina
  28. io quando sarà che diventerò mamma lo farò sicuramente!

    RispondiElimina
  29. c'è da tempo ancora per me per pensare a tutto ciò, ma essere informati in merito, logicamente non fa mai mai male.

    RispondiElimina
  30. sono un ometto io di codeste cosucce non so proprio nulla, ma ho letto con piacere queste info che trovo davvero molto importanti e da tenere in forte considerazione.

    RispondiElimina

Lasciatemi un vostro commento, ricambierò molto volentieri!!!
Vi prego però di NON INSERIRE NESSUN TIPO DI LINK passerò da voi in ogni caso per ricambiare la gradita visita...come sempre del resto ^__^

DISCLAIMER!!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica e non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2011.
Le foto e gli oggetti presentati in questo blog sono frutto dell'ingegno dell'autrice e rimangono per tanto di proprietà della stessa.
Per quanto riguarda il materiale di terzi (foto, tutorial, link e quant'altro) l'autrice si impegna a citarne sempre correttamente la fonte e a comunicarne la pubblicazione in questo blog ai legittimi proprietari.
L'autrice prega chiunque ritenga che il proprio diritto sia stato leso di far presente il problema via email, in modo da poter rimuovere tempestivamente il materiale in questione.




"COOKIE POLICY"



buzzoole code


Ciao e Torna presto a trovarmi!!!